• culturainatto

BORGES - ARTE POÉTICA

Aggiornato il: mag 15

ARG/ITA/ENG


Atena rivela Itaca ad Ulisse, Giuseppe Bottani (1717-1784)


Mirar el río hecho de tiempo y agua y recordar que el tiempo es otro río, saber que nos perdemos como el río y que los rostros pasan como el agua.


Sentir que la vigilia es otro sueño que sueña no soñar y que la muerte que teme nuestra carne es esa muerte de cada noche, que se llama sueño.


Ver en el día o en el año un símbolo de los días del hombre y de sus años, convertir el ultraje de los años en una música, un rumor y un símbolo,


Ver en la muerte el sueño, en el ocaso un triste oro, tal es la poesía que es inmortal y pobre. La poesía vuelve como la aurora y el ocaso.


A veces en las tardes una cara nos mira desde el fondo de un espejo; el arte debe ser como ese espejo que nos revela nuestra propia cara.


Cuentan que Ulises, harto de prodigios, lloró de amor al divisar su Itaca verde y humilde. El Arte es esa Itaca de verde eternidad, no de prodigios.


También es como el río interminable que pasa y queda y es cristal de un mismo Heráclito inconstante, que es el mismo y es otro, como el río interminable.


ARTE POETICA


Guardare il fiume fatto di tempo e acqua

e ricordare che il tempo è un altro fiume,

sapere che ci perdiamo come il fiume

e che i visi passano come l'acqua.


Sentire che la veglia è un altro sonno

che sogna di non sognare e che la morte

che teme la nostra carne è quella morte

di ogni notte, che si chiama sonno.


Vedere nel giorno o nell'anno un simbolo

dei giorni dell'uomo e dei suoi anni,

convertire l'oltraggio degli anni

in una musica, un rumore e un simbolo.


Vedere nella morte il sonno, nel tramonto

un triste oro, tale è la poesia

che è immortale e povera. La poesia

ritorna come l'aurora e il tramonto.


A volte nelle sere una faccia

ci guarda dal fondo di uno specchio;

l'arte deve essere come quello specchio

che ci rivela la nostra propria faccia.


Raccontano che Ulisse, stanco di prodigi,

pianse di amore quando scorse la sua Itaca

verde e umile. L'Arte è quell'Itaca

di verde eternità, non di prodigi.


È anche come il fiume interminabile

che passa e resta ed è specchio di uno stesso

Eraclito inconstante che è lo stesso

ed è un altro, come il fiume interminabile.


Traduzione di L. B. Wilcock

THE ART OF POETRY


To gaze at a river made of time and water

and remember Time is another river.

To know we stray like a river

and our faces vanish like water.

To feel that waking is another dream

that dreams of not dreaming and that the death

we fear in our bones is the death

that every night we call a dream.

To see in every day and year a symbol

of all the days of man and his years,

and convert the outrage of the years

into a music, a sound, and a symbol.

To see in death a dream, in the sunset

a golden sadness such is poetry,

humble and immortal, poetry,

returning, like dawn and the sunset.

Sometimes at evening there's a face

that sees us from the deeps of a mirror.

Art must be that sort of mirror,

disclosing to each of us his face.

They say Ulysses, wearied of wonders,

wept with love on seeing Ithaca,

humble and green. Art is that Ithaca,

a green eternity, not wonders.

Art is endless like a river flowing,

passing, yet remaining, a mirror to the same

inconstant Heraclitus, who is the same

and yet another, like the river flowing.


Translation by A. Kerrigan